Guarire le persone, un crimine?

image_pdf

di Luciano Gianazza

nessuna autorizzazioneLa storia inizia in America, più 150 anni fa, quando esisteva un sistema di libero mercato sanitario. C’erano poche leggi o altre barriere che regolavano l’arte della guarigione. Una varietà di professionisti offrivano i loro servizi, compreso gli erboristi, i terapisti di cure naturali, di omeopatia, di idroterapia, di osteopatia, di allopatia e altre ancora.

C’era varietà di scuole e di cliniche di guarigione. In tutto quel periodo, l’America era fra le nazioni più sane, con il tasso più basso di mortalità infantile nel mondo. (Ora è al diciannovesimo posto fra le 19 nazioni più avanzate.) I costi non erano un problema perché l’aperta competizione manteneva i prezzi a livelli abbordabili da chiunque. Le leggi contro le frodi e la negligenza proteggevano i consumatori.

Gli sforzi per cambiare la situazione iniziarono fin dal 1847. In quell’anno fu fondata l’Associazione Medica Americana (AMA) per proteggere gli interessi di un gruppo di medici che curavano prescrivendo farmaci, detti anche allopatici. Questi medici, fra l’altro, spesso fecero più danni che bene con il loro mercurio, l’arsenico, la liscivia ed altri rozzi metodi. Uno degli obiettivi dell’AMA era quello di aumentare il reddito dei suoi membri. Il modo migliore di fare questo consisteva nel limitare i medici a disposizione per numero di abitanti.

Gli sforzi dell’AMA culminarono nel 1910, quando Abraham Flexner, un ex direttore didattico, non un medico, fu incaricato di valutare le scuole mediche delle diverse discipline dalla Fondazione Carnegie per il Miglioramento dell’Istruzione. Era il fratello di Simon Flexner, direttore dell’Istituto Rockefeller per la Ricerca Medica. Lavorando a stretto contatto con l’AMA, completò l’analisi delle scuole mediche, che era praticamente una copia in carta carbone di un rapporto che l’AMA aveva preparato parecchi anni prima. Il rapporto dichiarava che la maggior parte delle scuole erano “inferiori allo standard.”

Il sig. Flexner ed i suoi amici della Fondazione Carnegie, l’Istituto Rockefeller e l’AMA convin$ero il Congresso che per “migliorare” il sistema sanitario, la maggior parte delle scuole di guarigione dovevano essere chiuse. Inoltre raccomandarono di autorizzare solo i medici muniti di licenza, licenza che veniva concessa solo a quei medici che provenivano da scuole che insegnavano cure prescrittive di farmaci e agli ospedali. Raccomandarono anche l’assegnamento di sovvenzioni governative alle scuole di quel genere ed alla ricerca farmaceutica. Tutte queste misure sono state accolte e adottate dai membri del Congresso, asserviti all’industria farmaceutica, fra il 1910 e il 1920. Il numero delle 130 scuole di guarigione del 1910 crollò fino alle 68 del 1944. La chiusura delle scuole alternative rese possibile l’addestramento di molto pochi medici. Non sorprende che soltanto le scuole allineate alla prescrizione di farmaci di sintesi sopravvissero. Le altre scuole di guarigione furono chiuse o fallirono perché i loro laureati e diplomati non potevano ottenere una licenza e quindi non erano autorizzati a prestare le cure mediche.

 

laureaA chi otteneva una laurea in una università “ortodossa” ovvero allineata alle cure che richiedono la prescrizione di farmaci veniva e viene tuttora concessa una licenza, licenza che equivale all’autorizzazione all’esercizio esclusivo della professione medica, non importa come venga chiamata nei differenti stati del mondo occidentale. La situazione rimane oggi la stessa, salvo che alcuni gruppi di cure alternative, incluso i chiropratici ed i naturopati, hanno combattuto duramente per far passare delle leggi che li autorizzassero a praticare la loro professione in diversi stati americani.

L’AMA, la confraternita della medicina prescrittiva di farmaci, foraggiata dall’industria farmaceutica, non si limitò a far perseguire come criminali i terapisti che curavano con metodi naturali, ma abbatteva sistematicamente anche i medici tradizionali che ottenevano risultati senza l’utilizzo di farmaci, non solo diffondendo maldicenze infondate su di loro, etichettandoli come ciarlatani, ma facendoli anche incarcerare per “mal pratica.” Con il suo instancabile lavoro da inquisizione spagnola, con l’ottenimento dello status (arrogato) di unico sistema valido per la cura delle malattie, che si avvale dell’uso intensivo di farmaci, l’AMA ottenne per quel genere di pratica anche la nomina a medicina ufficiale, promossa e protetta dallo stato stesso. Medicina che quasi ogni stato del mondo, a sua volta ha preso come modello per istituire la sua “Medicina Ufficiale” per curare i suoi cittadini.

Negli anni ’10 e ’20 gli agenti dell’AMA andarono letteralmente a caccia dei medici alternativi e cercarono con ogni mezzo di annichilarli completamente. A quel tempo c’erano molte terapie che avevano successo e sono scomparse o sono state alterate ed assorbite dalla medicina ufficiale come “terapie integrative” della cura farmacologica. Medici validi che erano in auge scomparvero nel dimenticatoio, e i loro scritti, alcuni testi di studio nelle università, furono banditi dai moderni Savonarola. A volte nei mercatini si trovano i loro libri originali e non si può non rimanere sorpresi nell’apprendere quanta vera conoscenza contengono, appartenente ad ordini di grandezza nettamente superiori, nemmeno paragonabile a quella ufficialmente riconosciuta. Esempi eclatanti sono il Prof. Arnold Ehret e William Horatio Bates, rispettivamente autori di “Il Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco” e di “Vista Perfetta Senza Occhiali”, che oggi sono dei perfetti sconosciuti, a differenza di un Pasteur, che ha dato origine alla fallace “Teoria dei germi,” che sostiene che il nemico numero uno della salute dell’uomo è un essere vivente miliardi di volte più piccolo di lui. Ehret e Bates non sono gli unici che furono osteggiati e la lista è molto lunga.

Senza l’obbligatorietà di una autorizzazione, sorgerebbero delle agenzie di certificazione private. Molti gruppi del genere esistono già, e i loro metodi includono come fattori fondamentali per la certificazione la verifica sia dei risultati che una data cura veramente ottiene, sia dell’effettiva preparazione teorica e pratica del candidato e dell’uso corretto che fa delle tecniche di tale cura.

Nel caso che l’obbligatorietà dell’autorizzazione venisse abolita, si potrebbe poi ancora scegliere tranquillamente le cure mediche di un membro della medicina ufficiale. Ma si potrebbe anche scegliere fra una varietà di professionisti alternativi che non sono attualmente autorizzati a praticare. Il pubblico sarebbe protetto meglio da frode e negligenza perché nessun medico sarebbe protetto dalla sua licenza. I medici sarebbero direttamente responsabili dei loro pazienti.

Il metro di misura corretto per stabilire l’efficacia di una terapia dovrebbe tenere conto degli effettivi risultati a lungo termine e la qualità della vita.

Non dovrebbe considerare il mero “prolungamento” della vita in una condizione di scheletro ricoperto dalla sola pelle come nel caso della chemioterapia che, se non viene abbandonata, si conclude con lo stato terminale. Quello che succede invece è che il paziente dichiarato incurabile entra nel campo della “terapia del dolore”, nuova terapia inventata ad hoc per legittimare la somministrazione di farmaci a un malato che la scienza ufficiale ritiene ormai senza alcuna speranza di guarire, accompagnandolo nella fossa senza patimenti, completamente drogato.

Nella situazione attuale, un terapista certificato da un’associazione privata, non importa quanto sia veramente abile, non può esercitare la professione medica se non è iscritto all’Ordine dei Medici e in tal caso solo con i metodi approvati dalla medicina ufficiale, e questo significa che se avesse appreso metodi di cura alternativi per curare il cancro veramente efficaci non potrebbe poi applicarli senza essere penalmente perseguito.

Gli effetti negativi causati dall’obbligo di una autorizzazione includono prezzi più elevati, vera innovazione ridotta, accesso ridotto alle cure, restrizione, se non negazione, del diritto alla scelta terapeutica e una popolazione con una condizione di salute scadente. L’obbligatorietà di una licenza o dell’iscrizione in un albo professionale per praticare una professione è anche una parte integrante della condizione di assistenza sociale tipica di società soggette a regimi totalitari. Negli Stati Uniti, prima che i medici diventassero gli emissari di un monopolio oligarchico, il campo della salute funzionava molto bene.

Oggi viviamo in un mondo globalizzato, non c’è alcuna differenza fra quello che avviene in America e negli altri stati occidentali, non importa a quale corrente politica appartenga un governo, se non per il fatto che negli States le varie situazioni sorgono in anticipo, anticipo che si riduce gradualmente fino alla quasi simultaneità del tempo reale, come avviene tra l’invio di una email e il suo ricevimento all’altro capo del mondo.

È tempo di muoversi verso un sistema di libero mercato delle cure mediche. Diversamente avremo abdicato al nostro diritto sovrano di scegliere come curarci e da chi farci curare.

Visita anche questo sito.

linea orizzontale grafica

Medicinenon.it e Arnoldehret.it sono due siti di Luciano Gianazza.

Medicinenon.it è da molti anni un punto di riferimento per chi vuole liberarsi della disinformazione e poi acquisire la corretta conoscenza.

ArnoldEhret.it è il sito ufficiale degli insegnamenti di Arnold Ehret, raccolti nei suoi libri, fra i quali Il Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco è un best seller internazionale. Arnold Ehret ha ritrovato il sentiero, di cui si era persa ogni traccia secoli fa, che porta all'alimentazione naturale dell'Uomo e alla salute perfetta in quanto ripristina la naturale capacità del corpo umano di disintossicarsi da tossine e veleni. In questo mondo avvelenato, il Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco fornisce i fondamenti per un'alimentazione e stile di vita che sono essenziali per la buona riuscita dei vari protocolli di disintossicazione.

Tutti i libri originali di Arnold Ehret sono reperibili sul sito www.arnoldehret.it | Libri

Luciano Gianazza Luciano Gianazza

Luciano Gianazza, traduttore dei libri originali di Arnold Ehret, e di Edwar Earle Purinton, scrive articoli di carattere filosofico spirituale che rispecchiano le sue personali esperienze lungo il cammino della conoscenza, oltre ad altri sulla corretta alimentazione dell’uomo. Ha creato il sito NikolaTesla.it per un suo voler ricordare un Uomo, Nikola Tesla, per cui nutre una profonda stima.