21 Dicembre 2012

arcaCi siamo! Siamo nel 2012 e si fa un gran parlare riguardo alla possibilità che qualcosa di drammatico accadrà il 21 dicembre 2012. Forse il mondo finirà…  Forse ci sarà un’assunzione di massa nei cieli e ci troveremo tutti “lassù” insieme al padreterno, forse una nuova era di illuminazione sulla terra. Magia!

Non avvengono illuminazioni senza l’impegno individuale, nessuna bacchetta magica, né un solstizio d’inverno, né gli ufo, né qualsiasi altra cosa potranno rendere una persona illuminata senza la partecipazione e lo sforzo individuale.

Nei Veda ci sono informazioni sulla natura di questo mondo materiale. C’è tanta informazione sui cicli attraverso i quali questo mondo passa più e più volte. Per chi ha studiato i Veda non è un territorio inesplorato. Questi cicli si ripetono, come le quattro stagioni che abbiamo ogni anno. Il ciclo delle stagioni si ripete in continuazione. Allo stesso modo il ciclo delle quattro età o yuga (in sanscrito yuga significa era, età, epoca) si ripete più e più volte. Come sappiamo ogni stagione avrà una durata di tre mesi e poi inizierà la prossima stagione, anche queste quattro età o yuga si susseguono in modo molto sistematico.

I conteggi e le cifre  nel resoconto che segue sono sbagliati, gli universi durano molto di più di quanto affermato nei Veda, in realtà quadrilioni e non miliardi, ma quando furono scritti era difficile se non impossibile concettualizzare tali ordini di grandezza. In questo articolo le cifre sono quelle riportate nei Veda.

La descrizione della meccanica dello svolgimento dei fatti è comunque corretta.

Ci sono quattro Età o Yuga:

  1. Età dell’Oro, o Satya-Yuga della durata di 1.728.000 anni.
  2.  Età dell’Argento o Treta-Yuga, della durata di 1.296.000 anni
  3. Età del Bronzo, o Dvapara-yuga, della durata di 864.000 anni e, infine
  4. Età del ferro, o Kali-Yuga, l’era delle macchine e dei litigi e delle guerre, della durata di 432.000 anni.

Un ciclo completo delle quattro ere o yuga in sanscrito viene definito come catur-yuga, la cui durata è di  4.320.000 anni.

Siamo nell’era finale del ciclo delle Quattro Età, ovvero secondo i Veda nel Kali Yuga, l’era più degradata. Quindi in un certo senso si potrebbe dire che la fine del Kali-yuga è la “fine del mondo”. Ma in realtà il Kali Yuga non è la fine del mondo come l’inverno non è la fine delle stagioni. Dopo l’inverno ci sarà un altra primavera.
Alla fine dell’inverno tutto sembra morto. Ma con il sole di primavera tutto ringiovanisce e la nuova vita spunta su tutto il pianeta. Così, alla fine di questo Kali-yuga tutto sarà molto caotico e devastato. Sarà come la fine dell’inverno. Proprio come la fine dell’inverno significa l’inizio di una nuova primavera, ci sarà un altro Satya Yuga o Età dell’Oro e tutto l’universo inizierà a rinnovarsi.

Nei cicli passati c’è sempre stata grande devastazione alla fine del Kali Yuga. Questa Età ha una durata di 432 mila anni e da quando è iniziata sono passati solo 5.000 anni. Questo significa che alla fine del Kali-yuga mancano ancora 427 mila anni. Perciò ti posso assicurare che il mondo non finirà nel 2012. Che ci credi o no il mondo esisterà ancora nell’anno 429.000, quando il Kali-yuga finirà. Allora ci sarà una serie di eventi devastanti in rapida successione a cui farà seguito un rinnovamento che ci porterà in un nuovo Satya Yuga o Età dell’Oro.

Quindi affermare che la “fine del mondo” è in arrivo nel 2012 è una totale assurdità. Certo ogni cosa ha un inizio e una fine nel mondo materiale. Tutto in questo mondo – eccetto l’essere spirituale – incluso i pianeti e l’universo stesso, è in definitiva una manifestazione temporanea. Ogni cosa materiale ha un inizio, una continuazione della sua esistenza e una fine.

Tuttavia, da un punto di vista più ampio, la distruzione non è in realtà una distruzione. E’ semplicemente il mutamento dell’energia in differenti forme. Anassagora si avvicinò in parte con l’idea che sia l’energia che la materia non possono essere distrutte. Possono solo essere trasformate da una forma all’altra. “Nulla si crea nulla si distrugge, tutto ciò che esiste è soltanto l’unione o la separazione di oggetti che esistevano già prima” – Anassagora. Quello che non dice però è come si sono formati gli oggetti che esistevano già prima.

C’è comunque un momento in cui l’universo verrà distrutto. Secondo quanto riportato nei Veda, un universo ha una durata di mille catur-yuga, il che equivale a 1.000 cicli di quattro ere (Satya Yuga, Treta-yuga, Dvapara-yuga e Kali-yuga). Come detto prima, ogni ciclo di quattro yuga dura 4.320.000  anni, pertanto la “vita” di un universo è lunga 4.320.000.000 anni o 4,32 miliardi di anni. Attualmente abbiamo attraversato la metà di quel tempo, quindi l’universo al momento ha circa 2,15 miliardi anni di età.
Ne consegue che fra 2,17 miliardi di anni tutto il mondo materiale –  non solo il nostro universo –  l’intero mondo materiale, un numero quasi illimitato di universi, sarà distrutto.

Tuttavia, come ho detto prima, questo non è in realtà una “distruzione”, perché la materia è energia condensata e l’energia è pensiero condensato. Tutta la materia che forma gli elementi materiali nell’universo passerà dallo stato manifesto  a quello potenziale. Il mondo materiale ha due stati possibili: manifesto e non manifesto. Attualmente è evidente che noi siamo qui nel mondo materiale manifesto. Dopo il completamento di circa 2,17 miliardi di anni ci sarà davvero una devastazione completa e totale di tutta l’esistenza materiale. Questo sarà la definitiva “fine del mondo” come intendono tutte le persone che l’aspettano come “giorno del giudizio”. Penso che quella enorme, mai descritta in alcun testo sacro, inimmaginabile devastazione, le soddisferà. A quel tempo tutta l’esistenza materiale verrà “distrutta” e rimarrà non manifesta per altri 1000 catur-yuga.

Questo significa che per 4,32 miliardi di anni non ci sarà alcun mondo materiale manifesto.
E gli esseri spirituali? Rimarranno dove sono ora, nel Tutto non manifestato, ma senza l’illusione di spazio e tempo. Continueranno ad “esistere” nel “mondo spirituale” allo stato desto o dormiente secondo il proprio stato di consapevolezza.

E dopo 4.320.000.000 anni il mondo materiale si manifesterà di nuovo e tutti gli esseri viventi di nuovo rientreranno in esso per riprendere la loro attività dove l’avevano lasciata 4,32 miliardi anni prima.

E sarà la stessa cosa. Ci sarà la stessa erba, alberi, asini, cavalli, elefanti, persone … Lo stesso tipo di pianeti, il sole e la luna, tutto sarà ancora una volta ricostruito nello stesso modo.

E’ proprio come ogni anno, fa caldo in estate e freddo in inverno. Non ci sono sorprese.

Il mondo nuovo materiale sarà molto simile a quello vecchio perché il mondo materiale è creato secondo i desideri degli esseri spirituali. Saranno gli stessi che lasceranno questo mondo  ad entrare nel “nuovo mondo”. Così porteranno nel “nuovo mondo” gli stessi desideri che avevano quando hanno lasciato il vecchio mondo. Semplicemente continueranno nel “nuovo universo” allo stesso livello di consapevolezza che hanno raggiunto nel vecchio universo. Dopo aver dormito per 4,32 miliardi di anni.

Ci sono anche piccole devastazioni che avvengono periodicamente, ma questi avvengono solo al termine di ogni catur-yuga, un ciclo delle quattro ere, quindi se la gente vuole una data in cui potrebbe accadere qualcosa di veramente apocalittico è quella della fine di questo Kali-yuga,  intorno al 429.000, qualcosa di molto drammatico accadrà di sicuro. Per ottenere la data esatta sarà necessario consultare un astronomo. Fino ad allora questo mondo continuerà ad andare avanti, fra alti e bassi.

E’ destinato a peggiorare, naturalmente. Questa è la natura del tempo. Alla fine sarà messo molto male. Ma andrà avanti per molto, sgretolandosi come una casa abbandonata. Non ci sarà nessuna “fine del mondo” fino a qualche tempo intorno al 429.000 e che non è proprio la fine del mondo. Sarà un momento di rinnovamento, come quando si ricostruiscono le case dopo un terremoto o maremoto, anche se di un altro ordine di grandezza. Una transizione dall’età oscura di Kali a una nuova Età dell’Oro di prosperità e illuminazione spirituale.

Dopo molte, molte, molte nascite nel mondo materiale, e molte, molte vite frustrate di sofferenza, una persona intelligente giunge alla conclusione che non c’è felicità nel mondo materiale e decide di tornare a casa, di ritornare ad essere il Dio che è.

C’è un altro mondo, un mondo spirituale. Questo è il luogo che tutti desideriamo raggiungere, anche se lo abbiamo dimenticato. Nel mondo spirituale, abbiamo una identità spirituale senza tempo che è eternamente giovane, piena di conoscenza e piena di beatitudine. Questa è la nostra condizione naturale. Ovviamente i concetti che parole come tempo e spazio esprimono sono solo metafore.

Ma anche se finisse il mondo il 21 dicembre 2012, qual’è il problema? Le persone hanno paura di morire, e questo fa parte dell’istinto di conservazione, necessario per continuare a vivere mentre si cerca la risposta all’enigma dell’esistenza. Ma di fronte a un eventuale inevitabile evento, perché continuare ad avere paura? La causa principale della paura di morire è che ci identifichiamo con il corpo materiale. A causa di questa identificazione con il corpo pensiamo di essere temporanei, mortali. Pensiamo che moriremo. Pensiamo di non essere permanenti, eterni.

Questo mondo materiale non è la nostra casa. Non possiamo mai essere felici veramente qui. Non siamo nel nostro ambiente naturale. Apparteniamo al mondo spirituale, siamo felici in un  ambiente spirituale.

La nostra esistenza in questo mondo materiale non ha uno scopo. Questo che dico contraddice tutto quello che hai letto e sentito a riguardo. Nessuno ha mai ha scritto che la nostra presenza su questo pianeta non ha alcuno scopo. Invece viene detto che ognuno ha la propria missione, che siamo qui per imparare, che siamo qui per espiare delle colpe, e altro ancora.

Come è possibile trovarsi in un luogo senza alcuno scopo, fosse solo quello di passarvi le vacanze?
Si può essere in un luogo senza alcuno scopo. Immagina una persona che, per vedere cosa c’è dentro, scivola in una buca profonda con le pareti lisce e senza appigli senza possibilità di potere uscire.  Non si trova in quella buca per uno scopo, non c’è alcuno scopo. Cadere in quella buca gliene ha fornito uno: uscire al più presto da quella buca. Tuttavia con il passare del tempo potrebbe dimenticare di esserci caduto dentro e che il suo scopo sia quello di conoscere tutte le caratteristiche e qualità di quella buca. E poi si potrebbero creare un sacco di teorie del perché si è in quella buca e perfino fondare delle religioni.

Allo stesso modo, attratti dalla sua bellezza, siamo entrati in questo universo e non siamo più riusciti ad uscirne. Poi con il passare del tempo siamo arrivati a credere che sia  tutto ciò che esiste, senza più chiederci da dove veniamo, e perché siamo qui.

L’unico scopo a cui valga davvero la pena dedicarsi è quello di uscire dall’universo materiale.

Tuttavia questo per la maggioranza delle persone che ancora cercano di affermasi in quanto umani per ottenere l’approvazione da altri esseri umani è inconcepibile, o per lo meno incomprensibile.

E’ necessario rendersi conto della propria esistenza come essere spirituali, non solo a livello concettuale ma facendone l’effettiva esperienza.

In questo consiste il risveglio. Tutto il resto, anche raggiungere la tranquillità mentale e la serenità d’animo meditando sulla bellezza della natura e la grandezza dello spirito non conta nulla se non offre la soluzione per uscire dall’universo materiale. Sarebbe come essere felici e contenti nella buca.

Per chi volesse saperne di più sui Veda ci sono due volumi interessanti. Per quanto i contenuti soffrano di eccessiva umanizzazione e un tentativo di attribuire una sorta di religiosità e insistenza sulla preghiera, sono un buon inizio.

I Veda – Mantramanjari – 2 volumi

Purtroppo gli originali furono distrutti nel rogo della Biblioteca di Alessandria, anche se questa affermazione fornisce spunto per la contestazione da parte di chi sostiene che esistono solo trascrizioni personalizzate di diversi autori. Al massimo oggi si possono trovare manoscritti risalenti a mille anni o poco più nella Libreria Reale di Londra e in altre di potenti del passato. E’ difficile trovare accordo fra i vari commentatori, traduttori, curatori, ecc. dei testi in circolazione sui Veda.

linea orizzontale grafica

Medicinenon.it e Arnoldehret.it sono due siti di Luciano Gianazza.

Medicinenon.it è da molti anni un punto di riferimento per chi vuole liberarsi della disinformazione e poi acquisire la corretta conoscenza.

ArnoldEhret.it è il sito ufficiale degli insegnamenti di Arnold Ehret, raccolti nei suoi libri, fra i quali Il Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco è un best seller internazionale. Arnold Ehret ha ritrovato il sentiero, di cui si era persa ogni traccia secoli fa, che porta all'alimentazione naturale dell'Uomo e alla salute perfetta in quanto ripristina la naturale capacità del corpo umano di disintossicarsi da tossine e veleni. In questo mondo avvelenato, il Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco fornisce i fondamenti per un'alimentazione e stile di vita che sono essenziali per la buona riuscita dei vari protocolli di disintossicazione.

Tutti i libri originali di Arnold Ehret sono reperibili sul sito www.arnoldehret.it | Libri

Luciano Gianazza Luciano Gianazza

Luciano Gianazza, traduttore dei libri originali di Arnold Ehret, e di Edwar Earle Purinton, scrive articoli di carattere filosofico spirituale che rispecchiano le sue personali esperienze lungo il cammino della conoscenza, oltre ad altri sulla corretta alimentazione dell’uomo. Ha creato il sito NikolaTesla.it per un suo voler ricordare un Uomo, Nikola Tesla, per cui nutre una profonda stima.